Loading Events
This event has passed.

CONFINI

Mostra personale di Alessandro Cardinale

14 settembre – 23 ottobre 2021

inaugurazione 14/15 settembre

ore 15/21

 

COMUNICATO STAMPA

Con la mostra “CONFINI” Crag –  Chiono Reisovà art gallery è lieta di presentare i nuovi lavori di Alessandro Cardinale (Padova, 1977), in galleria a Torino dal 14 settembre al 23 ottobre 2021.

La ricerca tecnica dell’artista viene portata a nuovi sviluppi e il tema NU SHU, che Alessandro Cardinale persegue da anni, si carica di nuove idee e sfide che ne ridisegnano i “confini”.

Le ultime opere sono sculture realizzate in acciaio corten nelle quali l’immagine non è più raccolta all’interno di strutture, ma si libera, diventando essa stessa autoportante. La sua sfida nei confronti della percezione non è mai solo pura tecnica optical, poichè i soggetti sono delicati, gli sguardi sono visioni istantanee che incrociano quelli del visitatore ed evocano storie lontane: quelle delle donne cinesi che hanno inventato l’alfabeto NU SHU in epoca imperiale e che l’artista, a partire da ritratti fotografici, attualizza con la sua tecnica nella quale dai vuoti, tra strisce di tessuto, legno o acciaio corten, prendono forma le immagini. E’ un lavoro sul linguaggio e sulla comunicazione ed in particolare si tratta di una riflessione sulla dinamica della comprensione di un messaggio.

Le opere sono composte da un insieme di listelli che richiamano i ventagli sui quali venivano scritti i messaggi Nu shu che le donne usavano per comunicare. I listelli sono assemblati facendo in modo che solo da una determinata posizione si possa vedere un volto femminile orientale ma, una volta persa quella posizione, il “messaggio” ritorni ad essere incomprensibile.

La collaborazione tra l’artista e la galleria è di lunga data: “abbiamo sempre creduto nel lavoro di Alessandro Cardinale, rigoroso, coerente, che fa dell’osservazione e della lentezza dell’elaborazione il punto di forza, attraverso un linguaggio originale e raffinato e per la terza volta proponiamo il suo lavoro al pubblico torinese, in occasione di Exhibi.To, la settimana delle gallerie di arte contemporanea a Torino”.

 

Alessandro Cardinale (Padova 1977). 
Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia.  Lavora nell’ambito dell’installazione e della figurazione, sviluppando il tema della luce e della percezione.Il suo lavoro è stato esposto in numerose mostre collettive e personali promosse da associazioni culturali, fondazioni per l’arte contemporanea, gallerie ed enti pubblici in Italia ed all’estero tra i quali ricordiamo: NAMOC National Art Museum of China – Pechino, Factory 798 Art District – Pechino, Building Bridges Art Foundation – Los Angeles, Istituto Italiano di Cultura di San Francisco.Le sue opere sono presenti all’interno di collezioni pubbliche e private tra le quali: Fondazione Peano di Cuneo, Fondazione Pardes per l’Arte Contemporanea – Mirano, Areacreativa42 – Rivarolo Torino, North Art Space Gallery – Giacarta Indonesia. Nel 2012 vince la V°Biennale internazionale d’Arte di Pechino esponendo presso il National Art Museum of China.
NU SHU
Il linguaggio chiamato Nu Shu, e’ un linguaggio segreto creato dalle donne in antichità in Cina nella regione dello Húnán, all’insaputa dell’uomo, per poter comunicare tra di loro le proprie memorie ed esperienze tramite dei ricami su ventagli e vestiti che venivano scambiati dall’uomo per semplici decorazioni. Si trattava  in realtà di messaggi cifrati che si tramandavano di generazione in generazione come testimonianza silenziosa della difficile condizione femminile di quel tempo. Queste sono le donne che hanno ispirato la sinfonia del celebre compositore Tan Dun (vincitore del premio Academy e Grammy, ha diretto la sinfonia al Metropolitan Festival Orchestra di Singapore), per arpa e orchestra di 40 minuti, intitolata Nu Shu: The Secret Songs Of Women, accompagnata da 13 “microfilm” tratti dalle sue registrazioni sul campo, che sono state scattate durante i suoi cinque anni trascorsi a ricercare e documentare la loro cultura.

BORDERS
Solo show of Alessandro Cardinale

September 14 – October 23 2021
inauguration 14/15 September
15/21 hours

PRESS RELEASE

With the exhibition “CONFINI” Crag – Chiono Reisovà art gallery is pleased to present the new works by Alessandro Cardinale (Padua, 1977), in the gallery in Turin from 14 September to 23 October 2021.

The artist’s technical research is brought to new developments and the NU SHU theme, which Alessandro Cardinale has been pursuing for years, is charged with new ideas and challenges that redraw its “boundaries”.

The latest works are sculptures made of corten steel in which the image is no longer collected within structures, but frees itself, becoming self-supporting itself. Her challenge to perception is never just pure optical technique, as the subjects are delicate, the gazes are instant visions that cross those of the visitor and evoke distant stories: those of the Chinese women who invented the NU SHU alphabet in that era. imperial and that the artist, starting from photographic portraits, updates with his technique in which the images take shape from the voids, between strips of fabric, wood or corten steel. It is a work on language and communication and in particular it is a reflection on the dynamics of understanding a message.
The works are composed of a set of strips that recall the fans on which the Nu shu messages that women used to communicate were written. The strips are assembled so that only from a certain position can an oriental female face be seen but, once that position is lost, the “message” becomes incomprehensible again.

The collaboration between the artist and the gallery is long-standing: “we have always believed in Alessandro Cardinale’s work, rigorous, coherent, which makes observation and the slowness of processing its strong point, through an original and refined language and for the third time we are offering his work to the Turin public, on the occasion of Exhibi.To, the week of contemporary art galleries in Turin ”.

Alessandro Cardinale (Padua 1977).
He studied at the Academy of Fine Arts in Venice. He works in the field of installation and figuration, developing the theme of light and perception.
His work has been exhibited in numerous group and personal exhibitions promoted by cultural associations, foundations for contemporary art, galleries and public bodies in Italy and abroad including: NAMOC National Art Museum of China – Beijing, Factory 798 Art District – Beijing, Building Bridges Art Foundation – Los Angeles, Italian Cultural Institute of San Francisco.
His works are present in public and private collections including: Peano Foundation of Cuneo, Pardes Foundation for Contemporary Art-Mirano, Areacreativa42-Rivarolo Turin, North Art Space Gallery-Jakarta Indonesia.
In 2012 he won the V ° International Biennial of Art in Beijing exhibiting at the National Art Museum of China.
NU SHU
The language called Nu Shu, is a secret language created by women in antiquity in China in the Húnán region, unbeknownst to man, to be able to communicate their memories and experiences with each other through embroidery on fans and clothes that were mistaken by man for simple decorations. They were actually encrypted messages that were handed down from generation to generation as a silent testimony of the difficult female condition of that time. These are the women who inspired the symphony of celebrated composer Tan Dun (Academy and Grammy winner, conducted the symphony at the Metropolitan Festival Orchestra in Singapore), for harp and orchestra of 40 minutes, entitled Nu Shu: The Secret Songs Of Women, accompanied by 13 “microfilms” from her field recordings, which were taken during her five years of researching and documenting their culture.